ARCHITETTURA FUTURISTA

Giuseppe Terragni 1904-1943
   

Sant'Elia


Marinetti


Boccioni


Prampolini


Balla


Depero


Chiattone


Marchi


Aloisio


Baldessari


Djulgheroff


De Giorgio


Dottori


Costa


Crali


Fillia


Fiorini


Mazzoni


Mosso


Paladini


Pannaggi


Poggi


Sartoris


Thayaht


Busiri-Vici


Libera


Mattè-Trucco


Portaluppi


Terragni


...altri

Nel 1926, appena laureato, partecipa alla formazione del Gruppo 7 firmando il primo documento del razionalismo italiano.
Nel 1928 aderisce al MIAR, ed alla "1° Esposizione di Architettura razionale" espone un progetto fortemente influenzato dal linguaggio costruttivista e con echi futuristi.
Autore di alcune delle architetture razionaliste italiane più significative quali il Novocomum, la Casa del Fascio e l'asilo Sant'Elia, tutti a Como.
Futurismo, costruttivismo e in primo luogo razionalismo definiscono le coordinate - spesso compresenti - entro cui l'architettura di Terragni si muove secondo una attitudine sostanzialmente analitica ed astratta.

Giuseppe Terragni, AUTORITRATTO (1932) gt In 1926, just after graduating, Terragni took part in setting up "Gruppo Sette" and signed its manifesto - the first document of Italian Rationalism.
In 1928 he gave his support to the MIAR group and at the group1s "First Exhibition of Rational Architecture" he exhibited a project that was strongly influenced by Constructivist language and which had Futurist echoes.
He was the architect of some of the most meaningful Italian Rationalist architecture, such as the Novocomum building, the Casa del Fascio, and the Sant'Elia Nursery School, all in Como.
Futurism, Constructivism and above all Rationalism were coordinates which frequently interacted within Terragni's architecture, which was motivated by an essentially analytical, abstract attitude.
SANT'ELIA Centrale elettrica
TERRAGNI Monumento ai caduti
ANTONIO SANT'ELIA
Centrale elettrica (1914) se
Electric Power Station (1914)

GIUSEPPE TERRAGNI
Monumento ai Caduti (1933) ff
War Memorial (1933)

E' la "Torre Faro" di Sant'Elia, secondo l'intitolazione del poeta Escodamè, che viene scelta da Marinetti come modello per il costruendo monumento ai Caduti di Como. In corso di realizzazione, dopo un primo intervento di Prampolini - che però non approntò il progetto esecutivo - il monumento finì per essere affidato a Giuseppe Terragni, il quale apportò notevoli modifiche all'idea iniziale.
According to the title of a poem by Escodamè it was Marinetti who chose the "Lighthouse Tower"as the theme for this monument to the War Dead in Como.
A first project by Prampolini was not taken through to working drawings, and completion was handed over to Terragni, who carried out considerable modifications.


pagine web selezionate selected web pages